giovedì 27 dicembre 2012

Quel buco nero è mostruoso


FOTOGALLERIA

 
I buchi neri, fra gli oggetti più estremi dell’Universo, hanno un campo gravitazionale così intenso da distorcere lo spazio tempo circostante (da Wikipedia)
 

martedì 25 dicembre 2012

Tanti auguri dalla Nasa, il regalo di Natale di Hubble

La Nasa ha deciso di augurare così il buon Natale, con l'immagine di questa nebulosa fotografata dal telescopio Hubble in orbita attorno alla terra. Scelta in particolare per la spettacolarità dei suoi colori e la sua forma complessa, che ricorda un po' una brillante decorazione natalizia. NGC 5189 (nota anche come nebulosa a spirale) è una nebulosa planetaria, quello che resta di una stella simile al nostro sole. Dista da noi circa 3.000 anni luce, nella costellazione della Mosca.

La foto

venerdì 21 dicembre 2012

Nasa, Saturno come non l'avete mai visto

La sonda Cassini ha inviato una nuova, spettacolare, immagine di Saturno scattata mentre il veicolo spaziale si trovava all'ombra del pianeta. Con la camera rivolta verso Saturno e verso il Sole è stato possibile immortalare il pianeta e i suoi anelli in controluce. Un punto di vista raro che permette agli studiosi di osservare dettagli inediti

La foto

lunedì 17 dicembre 2012

Meteorite precipita a Palermo. Frammento dell’asteroide Toutatis?

PALERMO - Un frammento di asteroide ancora fumante è stato avvistato prima in cielo, poi in un campo, da alcuni palermitani. Immediato l’intervento di polizia e vigili del fuoco, che hanno preso il meteorite per sottoporlo ad esami. L’ipotesi è che il meteorite sia un frammento dell’asteroide Toutatis, qualche giorno fa di passaggio ravvicinato al nostro pianeta.

Una bambina palermitana dice di esserselo vista precipitare sotto il terrazzo di casa con una “luminosa scia rossa”, ma molti in città giurano di aver avvistato una strano oggetto di colore acceso scendere dal cielo. Il meteorite – come riporta il sito Siciliainformazioni.com – è stato ritrovato in un campo di calcio del quartiere Brancaccio di Palermo.

Continua qui

domenica 16 dicembre 2012

Svelato il mistero della luce di Andromeda

Il bagliore nella galassia è stato causato da un buco nero

Risolta l'origine della misteriosa e intensa luce osservata nella galassia di Andromeda: è stato il getto di un piccolo buco nero che sta mangiando la sua stella compagna.

Descritta sulla rivista Nature, la scoperta si deve a un gruppo coordinato da Matthew Middleton, dell'università britannica di Durham e dell'Istituto di Astronomia 'Anton Pannekoek' ad Amsterdam. Al lavoro hanno partecipato gli italiani Massimo della Valle direttore dell'Osservatorio di Capodimonte dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), Marina Orio, dell'Osservatorio di Padova dell'Inaf, Gloria Sala del dipartimento di Fisica e ingegneria nucleare di Barcellona.

 

Continua qui

mercoledì 12 dicembre 2012

Dopo Toutatis ecco lo sciame delle Geminidi, le ‘stelle cadenti’ di Dicembre


Lo spettacolo delle meteore

La Terra sta entrando in un flusso di detriti dell’asteroide 3200 Phaethon, fonte dello sciame annuale delle meteore Geminidi. Nella notte di domani, tra Giovedì e Venerdì, si attendono in media ben 120 meteore orarie, con picchi intorno a 150, che abbelliranno i cieli di tutto il mondo. Come più volte spiegato in occasione di eventi simili, l’occhio nudo rappresenta il miglior strumento di osservazione per apprezzarne la magnificenza. Telescopi e binocoli, infatti, nonostante consentano una visione più dettagliata del firmamento, riducono ampiamente il campo visivo dell’osservazione, andando quindi a ridurre la possibilità di osservare queste scie imprevedibili. Tra i requisiti fondamentali per le osservazioni, il più importante è recarsi sotto cieli bui, lontani da fonti luminose o da inquinamento urbano, al fine di avere una magniudine limite più elevata. Ideale un cielo d’alta quota, dove l’atmosfera risulta più rarefatta. Utilizzare, tra le altre cose, luci schermate di rosso, indossare un abbigliamento consono al clima, appostarsi in maniera comoda e avere a disposizione una buona bevanda calda in caso di clima troppo rigido. Le meteore sembreranno provenire tutte dalla costellazione dei Gemelli (ricostruendo la traiettoria della scia luminosa), punto che viene chiamato radiante. Ma questo non vuol dire che sarà necessario osservare sempre e soltanto quel punto, anzi, sarebbe preferibile guardare altrove! Le meteore in prossimità del radiante hanno una coda molto corta a appariranno quasi come dei punti, per cui, l’ideale è osservare tutto il cielo a disposizione.

Continua qui

martedì 11 dicembre 2012

L’asteroide Toutatis si avvicina alla Terra, nessun pericolo ma si potrà osservare

Fra l’11 e il 12 dicembre "saluterà" il nostro pianeta. Il passaggio avverrà a una distanza di tutta sicurezza, 6,9 milioni di chilometri da noi. Apparirà molto brillante anche con i piccoli telescopi del diametro di dieci centimetri che permetteranno di apprezzarne il movimento tra le stelle

Asteroide Toutatis

 

venerdì 7 dicembre 2012

«Black marble»: ecco la Terra di notte

Le immagini dallo spazio del nostro pianeta

Si chiama «Black Marble». È la spettacolare foto della terra di notte. È stata ottenuta assemblando diverse immagini acquisite dal satellite «Suomi», attualmente in orbita e in grado di arrivare a registrare persino le luci delle nostre città. 

 

Foto navigabile - GUARDA

Continua qui 

 

giovedì 6 dicembre 2012

Osservata la materia delle prime stelle

Si trova a 13 miliardi di anni luce dalla Terra

ROMA, 6 DIC - La materia piu' antica dell'universo mai vista finora e' una nube di gas che si trova a oltre 13 miliardi di anni luce dalla Terra. Risale al tempo in cui si sono 'accese' le prime stelle e non contiene tracce di elementi pesanti. Il risultato di questa scoperta, pubblicato sulla rivista Nature, si deve al gruppo coordinato dal fisico americano Robert Simcoe, del Massachusetts Institute of Technology (Mit).

 Fonte: Ansa