martedì 25 novembre 2014

La fine del mondo? Ecco quando arriverà...

A cosa serve tutto lo sforzo che facciamo per sopravvivere e per tutelare il futuro delle nuove generazioni se tanto il destino della Terra è segnato? Perchè la fine del mondo non arriverà certo domani...(Salvo sorprese)

 

Se un meteorite devastante, nascosto dietro il sole, non arriverà all'improvviso a devastare gran parte del Pianeta, cosa sempre possibile, la Terra potrebbe continuare a sopravvivere, pur tra diversi tormenti, per altri 2 miliardi di anni. Un tempo più che sufficiente per fare progetti e nel frattempo magari trovare nuove forme di vita nell'universo.

In questo lasso di tempo però il nostro Pianeta non risulterà un pianeta tranquillo sul quale abitare: gradualmente diverranno importanti gli aumenti della luminosità del Sole e la perdita di energia termica dal nucleo della Terra.

Continua qui

lunedì 24 novembre 2014

Samantha, una notte spaziale. La prima italiana in orbita

Partita la missione dell’astronauta Cristoforetti: «È andato tutto benissimo. Sono felice del successo, c’è grande entusiasmo a bordo» ha detto nel suo primo collegamento

Lancio effettuato! Con il solito, meraviglioso squarcio di luce che illumina la base di Bajkonur, il razzo vettore Sojuz si è staccato dalla piattaforma di lancio puntuale. Alle 22.01 ora italiana, si è arrampicato nel cielo, seguendo la sua traiettoria, perfetta, quasi come fosse disegnata, nel cielo nero del Kazakhistan.

Continua qui

sabato 22 novembre 2014

Samantha Cristoforetti è pronta al decollo: “Domenica il sogno diventa realtà”

Sarà la prima italiana nello spazio: “Un’impresa di tutto il Paese”


Samantha Cristoforetti in un momento dell’addestramento per l’attività extraveicolare
L’addestramento è avvenuto in Italia, Usa, Russia e Germania

La piattaforma di lancio si trova nella storica base spaziale di Bajkonur, nel Kazakhstan, da cui partì il primo uomo nello spazio, Jurij Gagarin. E da dove venne lanciata, nel 1963, anche la prima donna, Valentina Tereskhova. Da lì, domani, quando in Italia saranno le 21,59, un razzo Sojuz porterà in orbita il Capitano Samantha Cristoforetti, prima astronauta italiana dell’Agenzia spaziale europea.

Trentasette anni, pilota dell’Aeronautica Militare e astronauta dal 2009, trentina di origine, Samantha si appresta a prendere posto sul sedile di sinistra: «È quello dell’ingegnere dei sistemi e di co-pilota - ci ha raccontato -. Il mio ruolo è supportare il comandante durante il lancio e l’avvicinamento alla Stazione, che durerà sei ore, dopo quattro orbite. Al centro ci sarà il comandante, il russo Anton Shkaplerov, e a destra l’ingegnere di bordo della Nasa, Terry Virts».

Continua qui

Cristoforetti: “Ecco come saranno i miei sei mesi nello spazio” (video)

mercoledì 12 novembre 2014

Il lungo giorno di Rosetta. Così l'Europa sbarcherà sulla cometa

Tutto pronto per la discesa del lander Philae sul nucleo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Un'operazione molto delicata e mai compiuta in tutta la storia dell'esplorazione spaziale


L'ABBIAMO rincorsa, spiata da vicino, e adesso è il momento di toccarla. La cometa  67P/Churyumov-Gerasimenko è infatti "a portata di sbarco" per la missione Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA). Siamo al momento della verità, dopo i dieci anni di viaggio di una delle missioni spaziali più ambiziose della storia. Rosetta, che da agosto sta "scortando" la cometa, domattina sgancerà il lander Philae, un modulo automatico che andrà a posarsi sulla superficie del nucleo cometario. La discesa, che durerà quasi sette ore, è stata pianificata nei minimi dettagli dal team scientifico e dal controllo missione dell'European Space Operation Centre (ESOC) di Darmstadt. L'intera operazione è una delle più complesse mai tentate storia dell'esplorazione spaziale: Rosetta si trova infatti a oltre 500 milioni di chilometri da noi, e i comandi inviati dalla Terra impiegano quasi mezz'ora per raggiungere la sonda. Ciò significa che è impossibile guidare "in diretta" la discesa, e quindi Philae dovrà cavarsela da solo fino al sito di atterraggio. E' la prima volta nella storia che un congegno costruito dall'uomo sbarca sul nucleo di una cometa. Con un po' di fortuna, avvisano gli scienziati, Philae concluderà questo "accometaggio" con successo e inizierà a raccogliere dati fondamentali per studiare le comete, considerate dei preziosi testimoni della formazione del Sistema Solare.

Continua qui 

Il video

Ecco il primo selfie di Rosetta dalla cometa. Lander in bilico, un braccio per raddrizzarlo

 

martedì 4 novembre 2014

Repubblica.it Prima neve sull'Etna, lo spettacolo dalla Iss


Gli astronauti in orbita sulla Stazione spaziale internazionale non perdono occasione per immortalare l'Etna. Il tedesco Alexander Gerst ha scattato queste immagini durante un passaggio sulla Sicilia del 3 novembre, e ha notato che il vulcano ora, oltre al consueto pennacchio che si leva da qualche mese, è 'vestito' anche la prima neve dell'anno. Grazie anche a un cielo sgombro da nubi. Uno spettacolo che, nonostante i numerosi sorvoli nei cinque mesi di permanenza nello spazio (15 orbite al giorno, una ogni ora e mezza) non smette di affascinare l'equipaggio della Iss

Le altre foto