venerdì 6 marzo 2009

Perchè gli alieni non ci vengono a trovare? - parte 1

Parliamo della presenza o meno di omini multicolorati discesi da improbabili astronavi e provenienti dalle più remote plaghe dell’Universo. No, tranquilli! Neanche io mi sono convertito agli UFO e agli esseri alieni. Tuttaltro…

Siamo consapevoli delle distanze astronomiche?

Con questo articolo desidero esprimere la mia su una questione che mi ha sempre visto schierato dalla parte degli scettici più assoluti, non per partito preso, ma semplicemente per frutto di ragionamenti maturati in anni di studi di Astronomia, Fisica ed astrofisica e di ascolto di Trasmissioni Scientifiche serie e non condotte da personaggi vacui e sensazionalistici.

Tante volte davanti ad un (presunto) mistero, un fatto inspiegabile che sia, ho manifestato il mio scetticismo, venendo sempre e comunque bollato come “troppo Ingegnere” o “materialista”, quando è in realtà molto più probabile che proprio gli altri siano troppo suggestionabili, visionari, esoterici, davanti ad argomenti che invece farebbero sorridere chiunque si prenderebbe la briga di analizzare un po’ più a fondo queste situazioni.

Il mio argomento preferito per essere smontato è quello del presunto avvistamento di astronavi aliene e del successivo sbarco di esseri quasi sempre umanoidi, dai grandi occhi, glabri come bimbi e dai poteri soprannaturali. Abbiamo visto montagne di film di fantascienza dove la modalità di viaggio preferita è data dal “teletrasporto” a velocità superluminali, seguita a ruota da improbabili passaggi attraverso buchi neri oppure ancora con l’utilizzazione di astronavi enormi che raggiungono destinazioni a distanza astronomica in un batter d’occhio. La realtà invece è ben diversa.

L’errore che molte persone compiono è quello di confondere le distanze “umane” a cui siamo abituati tutti i giorni, con quelle decisamente differenti e che coinvolgono oggetti al di fuori del nostro Pianeta Terra. Quando facciamo la nostra gita domenicale, oppure quando affrontiamo un viaggio da un capo all’altro dell’Italia, oppure ancora quando andiamo in vacanza agli antipodi, nel continente Australiano, effettuiamo un viaggio, o con la nostra autovettura, o un treno oppure un aereo, in tempi e modalità decisamente alla nostra portata e paragonabili grazie alla nostra esperienza quotidiana. Ma cosa accade se parliamo di viaggi nello spazio?

...

Fonte

Nessun commento: