venerdì 23 settembre 2011

Satellite Nasa verso la Terra pezzi forse sul Nord Italia

La probabilità che uno o più frammenti dell'Uars della Nasa cadano sul nostro territorio è salita all'1,5% dal precedente 0,6%, per poi assestarsi sullo 0,9%. I frammenti potrebbero cadere sulle nostre regioni del Nord Est tra le 3,30 e le 4,15 di sabato. I consigli della Protezione civile



ROMA - E' leggermente più alto, rispetto a ieri 1, il rischio che i frammenti del vecchio satellite Uars della Nasa da 6 tonnellate che si distruggerà oggi 2 a contatto con l'atmosfera cadano sulle nostre regioni del Nord Est. Secondo l'ultimo aggiornamento del comitato operativo della Protezione civile - che si basa sull'ultimo bollettino emesso dall'Istituto Isti del Cnr -, la percentuale di rischio delle sue due possibili traiettorie è salita prima all'1,5% (prima era dello 0,6%), per poi assestarsi sullo 0,9%.

Secondo quanto sostiene Luciano Anselmo, dell'istituto di Scienze e Tecnologie dell'Informazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isti-Cnr), al lavoro sulla traiettoria del satellite, "abbiamo ristretto la probabile finestra di rientro: possiamo dire che il primo passaggio sull'Italia è oramai escluso, resta solo un potenziale passaggio compreso fra le 3,30 e le 4,15". Ma, ha aggiunto, "la probabilità che il satellite cada in Italia - ha detto Anselmo è comunque bassa, resta dello 0,9%. Più facilmente per il 70%, cadrà nell'Oceano e per oltre il 99% non in Italia". La situazione si aggiorna di ora in ora, ha detto ancora l'esperto, e per fare previsioni più precise e per restringere ulteriormente la finestra di rientro dobbiamo aspettare che si avvicini il momento dell'impatto.

LE TRAIETTORIE
3


Continua qui

 

Nessun commento: