venerdì 23 gennaio 2015

Sam, sono a casa e mi sento extraterrestre

Vorrebbe restare più a lungo sulla Stazione Spaziale

 Samantha Cristoforetti a bordo della Iss (fonte: ESA/NASA)

Si sente ''un po' extraterrestre'', ringrazia il collega per il taglio di capelli 'alla Samantha' ed è felice di essere nello spazio tanto che, se potesse, resterebbe più a lungo. L'astronauta Samantha Cristoforetti si è ormai perfettamente ambientata dopo 60 giorni nello spazio. Lo ha detto lei stessa ai circa 200 ragazzi arrivati all'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) da scuole e università di Campania e Lazio per il collegamento con la Stazione Spaziale organizzato da Asi, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Aeronautica Militare. Dopo il falso allarme che la settimana scorsa aveva fatto scattare l'emergenza a bordo, l'astronauta ha detto che in occasioni come quella la fiducia nei colleghi è fondamentale. ''Per fortuna è stato un falso allarme - ha detto l'astronauta dell'Esa - e in quei momenti devi fidarti dei tuoi colleghi, di chi ha il compito di chiudere il portello e di chi prende i dati e ti dice che puoi toglierti la maschera''.

Continua qui

Nessun commento: