mercoledì 29 aprile 2009

Ancora novità da Saturno!

La sonda Cassini in orbita intorno a Saturno non finisce mai di stupirci!

In altri articoli ho già parlato del fatto che Saturno in questo periodo si trova in una posizione particolare della sua orbita intorno al Sole, in vicinanza dei nodi della sua orbita e cioè nel periodo del suo anno corrispondente ad un equinozio: il suo piano orbitale si presenta quasi di taglio rispetto al Sole e questo fatto comporta delle scoperte assolutamente inedite, causate dal gioco di ombre proiettate da anelli e satelliti su… anelli e satelliti!

In questi ultimi giorni gli occhi elettronici della sonda Cassini sono stati diretti verso gli anelli, e che cosa si è trovato? Che anche gli anelli stessi, le parti di detriti e ghiaccio che li compongono, proiettano ombra su altre parti di anello!! E’ questa una scoperta assolutamente incredibile soprattutto perché, al di là di averlo potuto ipotizzare, non ne era mai strata ottenuta prova fotografica.

ombre sugli anelli

Nella foto a fianco e nel particolare, vediamo delle bellissime ombre frastagliate proiettarsi sul chiaro degli anelli appena più vicini a Saturno e a breve distanza dagli anelli eclissanti. Nel particolare vediamo centinaia e centinaia di picchi d’ombra stagliarsi su altri anelli: ad ognuno di questi picchi corrisponde un corpo roccioso più grande di altri vicini e non altrimenti distinguibile! Davvero una meraviglia!

...

Fonte

domenica 26 aprile 2009

Vita su Marte, nuovi indizi dalla Nasa

Su Marte sono state osservate delle emissioni stagionali di gas metano, un possibile indizio della presenza di micro organismi. Un'altra ipotesi è che il metano sia il risultato di attività geologiche del pianeta rosso. La scoperta è stata fatta presso i laboratori del Goddard Space Flight Center della Nasa, uno dei maggiori laboratori che riguardano le scienze dello spazio. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science (Gennaio 2009).

Michel Mumma, autore dello studio, spiega che la presenza di mettano su Marte potrebbe essere un indizio della presenza di un possibile processo biologico simile a quello terrestre (nel nostro pianeta sono presenti alcuni batteri che "producono" metano).

...

Fonte

mercoledì 22 aprile 2009

Via Lattea, se la si potesse assaggiare saprebbe di lamponi














22 aprile 2009 - Se un essere umano avesse la possibilità di assaggiare la Via Lattea, cosa tuttavia quantomeno improbabile, questa saprebbe di lamponi. E’ quanto dichiarato dagli scienziati del
Max Planck Institute for Radio Astronomy di Bonn (Germania) che, impegnati in una complessa ricerca finalizzata alla scoperta di molecole organiche nello spazio interplanetario, hanno individuato attorno alla nuova stella Sagittario B2, importanti tracce d’emissione di formiato d’etile. Tale sostanza, spiegano i ricercatori, è la stessa che conferisce ai lamponi il loro caratteristico gusto e verrebbe emessa nel corso del processo di formazione delle stelle giovani.

Lo spazio profuma di bistecca fritta - Gli scienziati tedeschi non sono tuttavia i soli che hanno contribuire a dare sapori e fragranze insolite allo spazio. La Nasa, l’agenzia spaziale americana spesso contestata da esponenti politici e anche dai cittadini per via degli eccessivi costi sostenuti per le ricerche non sempre utili all’umanità, ha annunciato un risultato simile lo scorso anno. Secondo le testimonianze di alcuni astronauti al servizio dell’agenzia, lo spazio, almeno quello che circonda il nostro pianeta, avrebbe un insolito profumo che richiamerebbe alla mente l’odore delle saldature mischiato a quello delle bistecche fritte. Il profumo, proprio come avviene all’interno dell’atmosfera terrestre, avrebbe impregnato le tute degli astronauti impegnati nelle diverse passeggiate al di fuori della Iss.

...


Fonte

lunedì 20 aprile 2009

Corso di Astronomia di base

Il Comune di Tortona, in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico Naturalistico di Casasco organizza anche quest’anno un Corso di astronomia rivolto a chi si avvicina per la prima volta a questa disciplina, e vuole anche conoscere le tecniche e gli strumenti usati a livello amatoriale.

Il Corso sarà articolato su sei incontri a cadenza settimanale tra Venerdì 20 Marzo e Venerdì 8 Maggio dalle ore 21 alle ore 23 circa.

In ogni incontro verranno affrontati due argomenti di carattere generale e di pratica astronomica.

Gli incontri teorici si svolgeranno a Tortona e quelli pratici a Casasco presso l’Osservatorio come indicato nel calendario unitamente alle modalità di iscrizione.


...


Fonte

mercoledì 15 aprile 2009

14 giugno 2009: primo raduno “universale” di Astronomia.com

Carissimi amici lettori, il successo e la partecipazione sempre più calorosa a questo sito veramente “speciale” ci ha fatto venire un’idea. Perché non incontrarci fisicamente e non più soltanto virtualmente? Ecco allora la proposta ed il “punto” dove iscriversi.

Chiaramente la prima cosa da fare è trovare un luogo acconcio. Un po’ egoisticamente Enzo ha scelto come baricentro la Toscana ed in particolar modo la splendida cittadina di Pienza. La ragione è presto detta. Lui sarà in vacanza in un villaggio medioevale vicino allo storico borgo toscano dal 13 al 19 di giugno. Ha affittato una casetta immersa in un uliveto, dove passeggiano allegramente fagiani, istrici e caprioli. Un luogo di pace e serenità, in vista delle splendidi crete senesi. La casa è piccolissima, ma lo spazio davanti è grande e tranquillo, ideale per un picnic all’aria aperta. E poi c’è anche la possibilità di fare un po’ di carne alla brace. In più, visto che il cielo da quelle parti è abbastanza buio, ci si potrebbe organizzare per fare un mini star-party serale (tempo permettendo!) con qualche strumento. Potrebbe essere una simpatica soluzione, alternativa all’incontro in un qualche ristorante della zona

...

Fonte

venerdì 10 aprile 2009

Saturno e i suoi anelli - parte 1

Il pianeta Saturno è in assoluto l’oggetto del Sistema Solare più ricco di particolarità e meraviglie. Ogni pianeta, satellite, asteroide, o cometa, presi singolarmente, possono più o meno piacere dal punto di vista estetico, fotografico e possono manifestare ognuno caratteristiche e peculiarità assolutamente ed indiscutibilmente degne di nota. Ma Saturno e i suoi anelli sono una continua scoperta di particolari ogni volta inediti, inattesi.

Inizio dunque questa carrellata di immagini, tratte dall’archivio costantemente aggiornato da JPL della NASA in base alle foto ricevute dalla sonda Cassini in orbita da parecchi anni intorno a Saturno.

...

Fonte

lunedì 6 aprile 2009

La materia oscura

Uno dei campi più misteriosi dell’attuale astrofisica è sicuramente la materia oscura. Se la legge di gravità rimane valida a tutte le scale di distanza, essa non solo deve esistere, ma deve anche costituire la gran parte della materia esistente nell’Universo, insieme alla sua “sorella” energia oscura.

L’argomento non è assolutamente facile né esiste una teoria del tutto condivisa, tuttavia vale la pena descrivere in modo semplice ed elementare ciò che crediamo di sapere.

Se qualcuno vi chiedesse la differenza tra la materia visibile e quella oscura, la risposta migliore forse sarebbe quella riportata nella figura 1.

...

Fonte

mercoledì 1 aprile 2009

La (ex) sonda cinese Chang’e 1






Lo sapevate che una sonda cinese è stata fatta schiantare sul suolo lunare? No? Consolatevi, non siete soli…

Ogni tanto navigo sul sito della bellissima rivista americana di Astronomia “Sky And Telescope” e mi capita sempre di ricordare i tempi passati: nel lontano 1975 sono stato abbonato per qualche anno a questa rivista. Me l’aveva indicata un mio collega di università e di passione (astrofilo anche lui!) ed in quell’epoca in cui non esistevano PC, internet e quant’altro era una vera boccata di ossigeno su quello che succedeva nel mondo astronomico. Ricordo pure che per abbonarsi bisognava fare un “vaglia internazionale” con una trafila abbastanza lunga… Altri tempi!

Rovistando tra le notizie abbastanza recenti (i primi di marzo) c’era pure quella della sonda cinese Chang’e 1, lanciata nell’ottobre del 2007, che veniva fatta schiantare sul suolo lunare dopo una missione di 16 mesi durante i quali ha fotografato il suolo lunare in alta risoluzione: lo schianto è avvenuto alla latitudine 1.5° Sud e longitudine 52.36° Est, nel Mare della Fecondità, nei pressi (si fa per dire, ad appena 145km…) del cratere Messier.

...

Fonte