lunedì 31 maggio 2010

Nasa, i nuovi progetti e quelli abbandonati

Shuttle

Inaugurato nel 1981 è stato usatoper 130 lanci (due conclusi tragicamente). Trasportava uomini e materiale nello spazio e poteva essere riutilizzato. Compirà ancora tre missioni.

Foto

domenica 30 maggio 2010

L'esplosione solare


Immagini fantastiche che aiutano a capire meglio alcuni fenomeni che accadono nel nostro universo. Gli scatti, realizzati dalla Nasa grazie all'osservazione del satellite "Solar Dynamic Observatory", mostrano un'esplosione solare

Le altre foto

.

L'astronauta e l'autoritratto stellare

E' uno scatto degno di Stanley Kubrick ma non è immagine tratta da un film di fantascienza, è la foto che l'astronauta della Nasa Garrett Reisman è riuscito a fare al visore del proprio casco mentre riflette sia il pianeta Terra che la stazione spaziale internazionale. Nella splendida immagine si vedono chiaramente anche i guanti protettivi del cosmonauta con il logo dei New York Yankees e la fotocamera. La foto è stata scattata durante l'operazione di aggiunta di una nuova struttura russa alla stazione

Le foto

.

L'asteroide con la coda di ghiaccio

Ecco l'asteroide 24 Themis e due frammenti, risultato di una collisione avvenuta più di un miliardo di anni fa. Uno dei due frammenti ha una coda: è l'effetto della sublimazione del ghiaccio sulla sua superficie

Le foto

.

domenica 23 maggio 2010

Opportunity, sonda da record ci svela i misteri di Marte

Il piccolo rover della Nasa è ora quello con la maggiore permanenza sul Pianeta rosso. E continua ad analizzarne il suolo e l'atmosfera

di LUIGI BIGNAMI

NEL SILENZIO dei deserti marziani, senza che nessuno potesse battergli le mani, il rover della Nasa Opportunity ha battuto un record storico. Ha superato il record di rilevamento dati su Marte, che era detenuto dalla sonda Viking 1, che analizzò il suolo e l'atmosfera marziana per 6 anni e 116 giorni. Opportunity, adesso, supera ogni giorno il proprio record personale. Avrebbe dovuto lavorare per 90 giorni ed invece ha superato abbondantemente i 2300 giorni di esplorazione. Ma il rover è ben lontano dal fermarsi. In queste settimane, là dove si trova, sta tornando la primavera e le giornate sempre più lunghe gli permetteranno di ricaricare al massimo le sue batterie e percorrere altri chilometri negli infiniti spazi del rosso deserto che sta esplorando.

...

Fonte

giovedì 20 maggio 2010

l satellite russo che salverà la terra

Sarà un satellite russo a salvare la terra da un asteroide che rischia di impattare contro il nostro pianeta (di Luigi Bignami)

Fonte

lunedì 17 maggio 2010

Verso Venere a vele spiegate con il Sole per beffare la Nasa

Parte dall'isola giapponese di Tanegashima, Ikaros, la prima navicella ad energia solare. Un progetto bocciato dagli americani (i test non hanno mai superato l'atmosfera) ma che ora spera di stupire il mondo

di LUDOVICA AMOROSO

SI CHIAMA Ikaros la prima navicella spaziale ad energia solare che partirà domani per esplorare le profondità del cosmo, e Progettata dall'agenzia giapponese Jaxa, sarà lanciata domani alle 6.44 ora locale (le 23.44 italiane di oggi) dal centro spaziale nipponico che si trova sull'isola di Tanegashima. Destinazione estremamente suggestiva: il pianeta Venere. La missione - che costa circa 13 milioni di euro - è proprio l'analisi dell'atmosfera e del clima di questo pianeta. Per svelarne i misteri e usarli come modelli per capire la nascita dell'atmosfera terrestre e i suoi cambiamenti attuali. Un razzo porterà la navicella nello spazio e questa si staccherà non appena avrà superato l'orbita terrestre. Lo stesso vettore trasporterà anche Akatsuki o Planet-C, ovvero il primo satellite giapponese creato per esplorare Venere e che lavorerà in coppia con il Venus Express, lanciato dall'Agenzia Spaziale Europea nel 2005.

...

Fonte

sabato 15 maggio 2010

Il lancio dell'ultimo Shuttle: tutto ok

Dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral, la partenza della missione spaziale Sts-132, a bordo dello Shuttle Atlantis, che realizzerà il suo ultimo viaggio, dopo 25 anni di operatività

Il video

venerdì 14 maggio 2010

Fotografate le galassie più lontane

Si trovano a quasi 10 miliardi di anni luce di distanza dalla Terra


MILANO -
È il gruppo di galassie più lontano mai fotografato e si trova a 9,6 miliardi di anni luce. Finora il gruppo più remoto era stato ripreso a 9,2 miliardi di anni luce. Ciò significa che l’immagine dipinge l’universo com’era 9,6 miliardi di anni fa perché tanto ha impiegato la luce ad arrivare sino a noi correndo alla velocità di 300 mila chilometri al secondo.
...

Fonte

giovedì 6 maggio 2010

Quel ghiaccio sull'asteroide ci racconta l'origine della vita

Il ritrovamento su 24 Themis. Rilevati anche composti organici. Sempre più concreta l'ipotesi che la Terra sia stata "fecondata" dall'acqua di un piccolo corpo celeste

di ELENA DUSI

TROVARE acqua sulla Luna o altri pianeti è già una grande scoperta. Ma scoprirla su un asteroide - come annuncia oggi Nature - ci riporta direttamente alle origini della vita. Gli asteroidi infatti sono un po' come le api dell'universo: viaggiano, toccano i quattro angoli del sistema solare, si scontrano con altri corpi celesti e li contaminano con le sostanze che portano a bordo.

...

Fonte

lunedì 3 maggio 2010

La navicella spaziale a energia solare

Il progetto del Giappone per raggiungere Venere

La Nasa avrebbe abbandonato l'idea perché considerata inefficiente

MILANO - Sarà la prima navicella spaziale a navigare nello spazio sfruttando esclusivamente l'energia solare. L'hanno chiamata Ikaros, come il personaggio della mitologia greca che con ali artificiali tentò inutilmente di avvicinarsi al sole (in realtà è anche l'acronimo di Interplanetary Kite-craft Accelerated by Radiation of the Sun), ma i suoi ideatori sono certi che avrà maggiore successo del temerario predecessore. Progettata dagli scienziati della Jaxa, l'agenzia spaziale giapponese, sarà lanciata in orbita il prossimo 18 maggio dal centro spaziale nipponico che si trova sull’isola di Tanegashima.

...

Fonte