lunedì 27 dicembre 2010

Finestra sul mondo dalla Stazione spaziale: che bella l'Italia

Occhi puntati sul mondo, dalla sua finestra speciale l'astronauta americana Tracy Caldwell Dyson guarda la terra. A bordo dell'International Space Station questo è l'eccezionale panorama che si apre sotto di lei: tra i paesi osservati dall'alto anche una luminosissima Italia (di BENEDETTA PERILLI)

Le foto

venerdì 24 dicembre 2010

Nespoli fa gli auguri dallo spazio: videomessaggio dalla Iss

"Siamo 400 chilometri sopra le vostre teste, ma il nostro cuore è con voi": Paolo Nespoli, primo astronauta italiano a restare nello spazio per sei mesi, manda gli auguri natalizi in italiano al mondo: con lui i colleghi Catherine Coleman e Scott Kelly 

Il videomessaggio di auguri

martedì 21 dicembre 2010

La Luna scompare dal cielo è il giorno più buio da 400 anni

Un evento che si verifica solo una o due volte in un millennio: l'eclissi coincide col solstizio d'inverno Al di là dell'Atlantico il fenomeno inizierà a mezzanotte. In Italia il culmine poco dopo l'alba di LUIGI BIGNAMI


Oggi sarà il giorno più buio da quattrocento anni. Accade per una particolare "coincidenza astrale", di quelle che si verificano una o due volte al millennio, e di cui se ne perde la memoria finché non ricapita di nuovo: un'eclisse di Luna in coincidenza con il solstizio d'inverno. "Un fenomeno davvero eccezionale, che dall'anno 1 dopo Cristo ad oggi è capitato una volta sola, il 21 dicembre 1638", spiega Geoff Chester dell'Osservatorio Navale degli Stati Uniti. "Per fortuna - sorride l'astronomo - non dovremo aspettare altrettanto per osservarne un altro identico, perché ricapiterà il 21 dicembre del 2094".

 Continua a leggere

mercoledì 15 dicembre 2010

Paolo Nespoli verso la Iss poi sei mesi di esperimenti

L'astronauta italiano mercoledì sera parte a bordo della navicella russa Soyuz dal cosmodromo di Baikonur. Sarà il primo europeo a restare così a lungo sulla stazione spaziale internazionale. Il suo programma di lavoro di LUIGI BIGNAMI

E' TUTTO pronto a Baikonur per il lancio dell'astronauta italiano Paolo Nespoli che è previsto per mercoledì 15 dicembre quando in Italia saranno le 20:03. Il lancio avverrà per mezzo della navicella russa Soyuz TMA-20. Meta di Nespoli è la ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, dove risiederà per circa 6 mesi. La sua lunga missione lo vedrà impegnato come ingegnere di volo per le spedizioni 26 e 27 (le spedizioni sono numerate da quando la ISS iniziò ad essere abitata da astronauti). Nespoli sarà il primo italiano e terzo europeo a dimorare lassù per un così lungo periodo di tempo. 

Continua a leggere

lunedì 6 dicembre 2010

Astronomia, il mistero dei buchi neri così ostacolano la nascita delle stelle

Uno studio dei ricercatori dell'Università di Bologna, in via di pubblicazione sulla rivista scientifica della Royal astronomical society britannica, spiega il ruolo dei buchi neri nel mancato ringiovanimento delle galassie. Oltre a risucchiare grandi quantità di materia, proiettano getti di gas rovente che mantengono la temperatura sufficientemente alta da impedirne l'addensarsi in nuove stelle.

I buchi neri riescono a impedire la nascita di nuove stelle e ostacolano il ringiovanimento delle galassie. Il tutto anche a milioni di anni luce di distanza. Uno studio dell'Università di Bologna, basato su calcoli matematici affidati a Cineca, centro di supercalcolo degli scienziati italiani, spiega per la prima volta come questo sia possibile.  

Continua a leggere

sabato 4 dicembre 2010

La Terra vista dalla Nasa è uno spettacolo

Uno spettacolo che potrebbe essere allestito anche in una mostra d'arte. Le strade della tecnologia e le sue applicazioni sono infinite. E grazie ai satelliti si può scoprire una Terra mai vista. Opere firmate "Nasa" che le ha raggruppate nel corso degli anni. Sopra, il delta del fiume Gange

Le foto

giovedì 2 dicembre 2010

Idrogeno in atmosfera 'sorella maggiore' Terra

ROMA - Tanto vapore, idrogeno e nubi simili a quelle finora osservate su Venere e sulla più grande luna di Saturno, Titano: appare così l'atmosfera di una "sorella maggiore" della Terra, ossia di un pianeta roccioso esterno al Sistema Solare e molto più grande del nostro. Lo studio, pubblicato su Nature, è il primo a descrivere la composizione dell'atmosfera di uno dei 500 pianeti finora scoperti al di fuori del Sistema Solare e uno dei pochissimi simili alla Terra (le cosiddette super-Terre).

Continua a leggere