lunedì 22 febbraio 2010

Shuttle Endeavour atterrato in Florida

Dopo missione di due settimane sulla Stazione Spaziale

(ANSA) - CAPE CANAVERAL (FLORIDA), 22 FEB - E' atterrato senza problemi in Florida, al Kennedy Space Center, lo Shuttle Endeavour. La navetta ha riportato sulla terra i sei membri dell'equipaggio, reduci da una missione di due settimane sulla Stazione Spaziale Internazionale. Nel corso della terza passeggiata nello spazio, il 17 febbraio scorso, gli astronauti avevano aperto le sette finestre della Cupola della stazione orbitante.

Fonte

venerdì 19 febbraio 2010

La scienza dà spettacolo: onde sonore giganti visibili nell'aria

L'11 febbraio scorso è stato lanciato un missile Atlas V per portare in orbita una sonda automatica che sorveglierà il Sole. Durante l'arrampicata, il missile ha attraversato uno strato di nubi molto tenui, creando nel raggio di diversi chilometri onde d'urto visibili nell'atmosfera, come quando si lancia un sasso in uno stagno, e sostanzialmente dissolvendo le nubi. Impressionante. Per chi lo vuole vedere in alta definizione, il link è questo. Un altro bel video è su SpaceWeather.com. E su NoisyAstronomer c'è una foto notevole.

Fonte

martedì 16 febbraio 2010

Luna: l'inutile scoperta dell'acqua (gelata)


PIERO BIANUCCI



Ora che Barack Obama ha cancellato il programma Ares-Constellation che nel 2020 avrebbe dovuto portare a una base lunare permanente, sembra quasi una beffa la scoperta che pochi mesi fa occupò le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Cento litri di acqua, la metà di quella che un italiano consuma in un giorno, ma a renderla speciale c’era che gli astronomi l’avevano trovata sulla Luna. Meglio: l’avevano prodotta. Fuggevolmente. Perché prima era ghiaccio misto a terriccio e subito dopo è diventata vapore.

...

Fonte

giovedì 11 febbraio 2010

Viviamo in un Universo all'uno per cento


PIERO BIANUCCI
Chiuderà il 14 febbraio, poi andrà alla Città della Scienza di Napoli (Bagnoli) e infine troverà una sede stabile a Teramo. Siamo dunque arrivati alle ultime settimane utili per visitare a Roma la mostra “Astri e particelle”, organizzata per l’Anno Internazionale dell’Astronomia dall’Infn, Istituto nazionale di fisica nucleare e dall’Inaf, Istituto nazionale di astrofisica. E’ una mostra molto bella, piena di stimoli e suggestioni, anche se non facilissima per il visitatore comune che non disponga di una guida un po’esperta. E’ emozionante avvertire “materialmente” la pioggia di raggi cosmici che continuamente ci “bagna”, la nostra immersione in un bagno di neutrini, la deformazione dello spazio-tempo determinata dalla materia, l’origine stellare degli elementi di cui siamo fatti, gli strumenti al suolo e nello spazio che ci permettono di studiare l’universo sempre più a fondo.

Ancora più sorprendente è leggere la ricetta dell’universo. Che è la seguente:
4 per cento gas intergalattico
0,6 per cento stelle e pianeti
0,4 per cento neutrini

Qui finisce la parte del cosmo che finora l’uomo ha potuto esplorare, sia pure in modo disuguale: piuttosto bene lo 0,6 per cento costituito dalle stelle e dai pianeti; un po’ meno bene il contributo dello 0,4 per cento dato dai neutrini; in modo alquanto indiretto e vago il gas intergalattico. Poiché quest’ultimo rappresenta il 4 per cento, possiamo dire che fino ad oggi gli astronomi hanno osservato in modo soddisfacente soltanto l’uno per cento dell’universo.

Fonte

lunedì 8 febbraio 2010

In volo lo Shuttle Endeavour a bordo i moduli Iss italiani

Dopo un rinvio causato dal maltempo la navicella è partita alla volta della stazione spaziale internazionale dalla base Nasa di Cape Canaveral, in Florida


In volo lo Shuttle Endeavour  a bordo i moduli Iss italiani

L'equipaggio dello shuttle

CAPE CANAVERAL - Una partenza spettacolare, con il cielo che si è illuminato all'accensione dei motori e il decollo che ha lasciato una scia luminosa rimasta visibile per ben sette minuti e mezzo, ovvero fino a un minuto prima di entrare in orbita. Così verso la 10 e 15 ora italiana è stato lanciato lo Shuttle Endeavour dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral. Il lancio, inizialmente previsto per ieri, era stato rinviato ad oggi a causa dello spesso strato di nubi e delle sfavorevoli condizioni meteo.

...

Fonte

giovedì 4 febbraio 2010

I saldi della Nasa dal Discovery alle tute

Lo Shuttle in vendita per 28,8 milioni di dollari rispetto ai 42 del prezzo iniziale. Sul mercato anche modelli di navicelle, motori delle navette spaziali, simulatori, "abbigliamento" da astronautidi LUIGI BIGNAMI

I saldi della Nasa dal Discovery alle tute Se siete alla ricerca di buone occasioni in tempi di saldi vale la pena di dare un'occhiata anche a quanto sta vendendo la Nasa: tute di astronauti in perfetto stato, modelli di navicelle spaziali, motori degli Shuttle, simulatori e un vero e proprio Space Shuttle, il Discovery. Ma quel che è interessante è il fatto che rispetto al prezzo iniziale di 42 milioni di dollari, valore che era stato proposto alcuni mesi or sono, la navetta spaziale viene ora venduta con un maxi-sconto che ha portato il prezzo a 28,8 milioni di dollari, più o meno 20 milioni di euro. A questo valore bisogna aggiungere circa 2 milioni di dollari per il trasporto, che verrà realizzato dalla Nasa con il Boeing 747 appositamente attrezzato.

...

Fonte

lunedì 1 febbraio 2010

Eclissi anulare Sole vista dallo spazio


Video diffuso da Esa con immagini inviate da satellite Proba-2


(ANSA) - ROMA, 30 GEN - L'Esa ha diffuso un video in cui si vede, ripresa dallo spazio, la piu' lunga eclissi anulare di Sole del millennio, avvenuta il 15 gennaio. Il video e' stato realizzato con le spettacolari immagini inviate dal piccolo satellite Proba-2 che nel momento dell'eclissi si trovava in una posizione eccezionale, alle spalle della Luna. Il satellite, che orbita a 720 chilometri dalla Terra, sta sperimentando nuove tecnologie e ospita a bordo anche strumenti per monitorare il Sole.

Fonte